Questo sito usa solo cookies tecnici. Se vuoi saperne di più, leggi la pagina dedicata ai cookie sul nostro sito.

Accetti l'uso dei cookie da parte di questo sito sul tuo computer?

Obbligo di specializzazione per gli Odontoiatri convenzionati nel nuovo ACM

 

http://www.odontoiatria33.it/cronaca/18175/piu-odontoiatri-nel-ssn-per-garantire-l-attivita-prevista-dai-lea.html

 

http://www.odontoiatria33.it/lettere-al-direttore/18176/obbligo-di-specializzazione-per-gli-odontoiatri-convenzionati-con-il-ssn.html

 

Interrogazione a risposta scritta

 

Al Ministro della salute

 

 

 

Per sapere - premesso che:

 

l’odontoiatria è la grande dimenticata del Servizio sanitario nazionale;

 

a parere dell’interrogante e degli esperti del settore, sono maturi i tempi per avviare la programmazione di un intervento di natura pubblica nell’odontoiatria, con l’assunzione nel Servizio sanitario nazionale di un numero adeguato di odontoiatri, di tecnici di laboratorio odontotecnico e di altre figure professionali;

 

tale auspicio è già stato formulato dal Collegio Italiano dei Primari Ospedalieri di Odontoiatria, Odontostomatologia e Chirurgia Maxillo-Facciale - Associazione Nazionale Primari Ospedalieri, che da sempre chiede di eliminare il requisito della specializzazione per gli odontoiatri laureati al fine di favorire un più facile accesso ai ruoli dirigenziali nel Servizio Sanitario Nazionale;

 

la proposta rientra in un più ampio dibattito, sviluppatosi in questi anni tra i Primari ospedalieri di area odontoiatrica, sul ruolo dell’odontoiatria pubblica e sul suo futuro;

 

in particolare, la problematica relativa all’applicazione dei Livelli Essenziali di Assistenza odontoiatrici e i più recenti dati forniti da Istat relativi al ricorso alle cure odontoiatriche non poteva non sollecitare una riflessione sul rapporto tra Servizio Sanitario Nazionale e offerta di cure odontoiatriche;

 

a parere del Collegio sarebbe etico, equo ed appropriato implementare un programma di odontoiatria pubblica nell’ambito della prevenzione a favore della popolazione in età evolutiva (0-14 anni), attraverso l’adozione di una normativa nazionale e di una regolamentazione di maggior dettaglio per individuare le modalità organizzative minime essenziali obbligatorie – modello, strutture, operatori - in coerenza con Linee guida nazionali per la promozione della salute orale e la prevenzione delle patologie orali in età evolutiva;

 

alla luce di tale auspicato modello, la problematica relativa alla carenza di medici odontoiatri specialisti rappresenta il limite maggiore in quanto l’accesso alla dirigenza medica odontoiatrica prevede il requisito della specializzazione;

 

quali urgenti provvedimenti il Ministro in indirizzo intenda adottare per procedere ad una revisione della legge del pubblico impiego che non consente di attuare i Lea Odontoiatrici e, in generale, ad un intervento migliorativo sull’odontoiatria pubblica, nel suo complesso, anche attraverso la convocazione di un tavolo tecnico;

 

se ritenga di dover procedere all’abrogazione della lettera b) del primo comma dell’art 28 del DPR 10.12.1997 n. 483 che prevede il requisito della specializzazione per l’assunzione di dirigenti odontoiatri al fine di favorire l’incremento delle piante organiche delle strutture odontoiatriche;

 

se e quali provvedimenti intenda adottare per impegnare la Conferenza permanente per i rapporti tra Stato, Regioni e Province autonome a individuare le modalità tecniche per il continuo monitoraggio dell’applicazione del dispositivo normativo, nei contesti territoriali, e per la verifica degli effetti prodotti.